Repubblica Sociale Italiana: UNA REPUBBLICA NECESSARIA

Repubblica Sociale Italiana: UNA REPUBBLICA NECESSARIA

Lo sciagurato 8 settembre 1943 sancisce, di fatto, la fine dello stato nazionale: schiaccianti le responsabilità del Re e di Badoglio ("l'uomo di Caporetto", non dimentichiamolo!) il cui governo è completamente dipendente dagli angloamericani che sono sbarcati in Sicilia con l'aiuto della mafia.
L'incosciente "camerierato" voluto dal Re (celebre quanto avvilente la fotografia di Churchill che riceve in pantofole Badoglio e Bonomi rappresentanti del governo del sud!) Permette la doppia occupazione del territorio italiano (al nord i tedeschi e al sud gli "alleati") e lo scoppio della guerra civile fratricida scatenata dai comunisti. Un tragico scenario che prende forma sotto lo sguardo compiaciuto e divertito dei "liberatori" che, nel frattempo, bombardano selvaggiamente le città italiane.
La Repubblica Sociale Italiana indica, a buon ragione, la via dell'onore e del riscatto dopo il vile voltafaccia badogliano: è la possibilità per moltissimi giovani di ritornare ad impugnare le armi contro le demoplutocrazie.
La Repubblica Sociale Italiana garantisce la salvezza di quel poco che resta delle strutture statali difendendo gli interessi politici ed economici italiani: e ciò anche nei confronti dei tedeschi ficcanaso sì, (e forse con ragione?), ma non padroni, evitando all’Italia un trattamento peggiore di quello riservato alla Polonia.
La Repubblica Sociale Italiana è un fenomeno soprattutto rivoluzionario: ciò è dimostrato dal passaggio dalla forma di governo monarchica a quella repubblicana e dall'evidente connotazione anticapitalistica (base della socializzazione) del nuovo stato. In particolare, la socializzazione si contrappone nettamente al capitalismo delle "democrazie del denaro" che, nascoste dietro i miti della "guerra giusta" e della "liberazione", sono scese in campo per soddisfare - esclusivamente - gli interessi della grande finanza internazionale: allora furono poste le fondamenta del "mondialismo" e dell'attuale "globalizzazione".
La Repubblica Sociale Italiana, quindi, è da ritenersi una repubblica necessaria ed una scelta per la dignità della nazione.

Essenza rivoluzionaria della Repubblica Sociale Italiana

Con la nascita della Repubblica Sociale Italiana si ha, innanzitutto, una rottura nei confronti della tradizione monarchica.
È evidente una concezione anticapitalistica che si pone alla base della società statale.
Anti plutocrazia e anticapitalismo sono elementi concretamente attuati nella Repubblica Sociale Italiana.
Le indicazioni di Mussolini sul lavoro e sulla proprietà privata sono ispiratrici dell'articolo 1 del Manifesto di Verona.
Anti plutocrazia, anticapitalismo e le indicazioni di Mussolini del 18 e 27 settembre 1943, sono le fondamenta della socializzazione.
La socializzazione è ancora più chiara nella "premessa fondamentale per la creazione della nuova struttura dell'economia italiana" approvata dal governo l'11 gennaio 1944.
La socializzazione si realizza il 12 febbraio 1944 con il "decreto legislativo sulla socializzazione delle imprese".
La premessa e il decreto rappresentano la sostanziale partecipazione dei lavoratori alla gestione - in piena parità - con i rappresentanti del capitale.
L’ottavo punto del Manifesto di Verona contiene un'enunciazione, anche se teorica e programmatica, certamente rivoluzionaria: la volontà di creare una "unione europea anti plutocratica e anticapitalistica" come strumento della futura unità politica del continente.
La socializzazione è l'inizio concreto di un programma che mira alla radicale trasformazione, in senso anticapitalistico, della struttura della società italiana.
È un programma che non riguarda soltanto la socializzazione delle imprese, ma è destinato ad investire tutto il sistema produttivo ed economico: nell'agricoltura, nel commercio e nella finanza.
Il modello economico della Repubblica Sociale Italiana trae ispirazione dal modello corporativo fascista ma, si basa su nuovi presupposti e sul fondamento dell'impresa socializzata.


CLICCA SULLA FOTO PER ACQUISTARE IL PRODOTTO

 

Tutti i commenti

    Inserisci un commento