Manganello "ME NE FREGO" Visualizza ingrandito

Manganello "ME NE FREGO"

manganello.menefrego

Nuovo prodotto

Manganello "Me ne frego" colore nero

Maggiori dettagli

8,99 € tasse incl.

Scheda tecnica

Larghezza45cm
Peso350gr
MaterialeLegno

Dettagli

« La mia gente non ha paura di nulla, nemmeno delle parole »
(Gabriele d'Annunzio)

Me ne frego, un motto "crudo" come lo definì lo stesso poeta-soldato Gabriele d'Annunzio, tratto dal dialetto romanesco. Il motto apparve per la prima volta nei manifesti lanciati dagli aviatori del Carnaro su Trieste. Il motto era ricamato in oro al centro del gagliardetto azzurro dei legionari fiumani (un gagliardetto che riporta "me ne strafotto" è presente al Vittoriale degli italiani di Gardone, nella sezione "schifamondo"). In seguito venne utilizzato dalle Squadre d'azione fasciste.

Sembra che il motto sia stato ripreso da un discorso avvenuto il 15 giugno 1918 a Giavera del Montello tra il Capitano Zaninelli e il Maggiore Freguglia, suo comandante durante la battaglia del solstizio. Freguglia chiamò Zaninelli e gli disse che con la sua compagnia doveva attaccare un caposaldo Austriaco a Casa Bianca; Freguglia aggiunse che era una missione suicida, ma che andava portata a termine ad ogni costo. Zaninelli guardò Freguglia e rispose: "Signor comandante io me ne frego, si fa ciò che si ha da fare per il re e per la patria". Si vestì a festa e andò incontro alla morte. Ora Casa Bianca si chiama Casa Zaninelli proprio in suo onore.